I vialetti e i gradini esterni sono fondamentali nella progettazione di un giardino. Possono Decorare e rendere sicuri i percorsi verso casa e giardino.

Basti pensare all’effetto di un sentiero posto in un angolo, lontano dal centro o che segua un percorso obliquo. Con i gradini è invece possibile realizzare cambiamenti di livello e creare effetti diversi, a seconda che siano diritti o ricurvi, larghi o stretti, bassi o ripidi.

Un vialetto può avere un’importanza considerevole nella progettazione, specie nel caso di un giardino di piccole dimensioni. È possibile rendere un vialetto giardino particolarmente decorativo e attraente scegliendo una pavimentazione adatta e circondandolo di piante ornamentali.

I sentieri che portano a un capanno o verso una serra devono essere abbastanza ampi da permettere il passaggio di una carriola. Quelli che conducono alla porta d’ingresso o a una passeggiata all’interno del giardino, dovrebbero essere larghi almeno 1,2 m.

 

Materiali e schemi decorativi per Vialetti

I materiali e lo schema possono essere scelti in modo da determinare o valorizzare lo stile del giardino. I materiali impiegati in combinazione, come pietre da pavimentazione e ciottoli, mattoni e ghiaia, creano spesso disegni molto decorativi per un vialetto. Anche la scelta dell’illuminazione vialetti giardino farà la differenza per la valorizzazione dei materiali e stili di costruzione.

I sentieri stepping stone (“a passi”) possono essere creati ovunque nel giardino, in quanto non nuocciono alla continuità delle campiture, ma possono diventare molto fangosi quando piove.

La prima cosa da fare è posizionare le pietre da pavimentazione sulla superficie e controllare che si trovino alla distanza di un passo.

Nel caso dei prati, le pietre vanno collocate in modo che la loro superficie si trovi al di sotto del livello di tosatura.

Nelle zone in cui l’inverno è relativamente asciutto, i sentieri possono essere realizzati in legno, sia utilizzando sezioni di tronco come “passi”, sia creando una serie di unità quadrangolari.

Nei punti in pendenza, i gradini diventano una parte essenziale del sentiero, ma si possono realizzare anche per arricchire un giardino relativamente pianeggiante.

I gradini dovrebbero essere costruiti in piena armonia con l’ambiente circostante: per esempio, dove ci sono aree a bosco, le alzate dei gradini dovrebbero essere realizzate con tronchi piani e le pedate con la ghiaia mentre, in un giardino moderno, sono più adatte alzate in mattoni e pedate in lastre di calcestruzzo.

 

Asfalto

L’asfalto è adatto per la realizzazione di vialetti e sentieri che non devono svolgere una funzione decorativa, per esempio per un vialetto che conduce a un capanno oppure per coprire un sentiero in calcestruzzo danneggiato.

L’asfalto è disponibile, oltre che nel colore nero, anche in rosso e verde, ed è possibile rendere la sua superficie scabrosa inserendovi pietrisco.Gettare l’asfalto quando l’aria è calda, facendo attenzione a stenderlo bene, per evitare che si disgreghi dopo pochi anni; per le superfici più esposte a usura, come i vialetti principali, è preferibile far eseguire il lavoro da operai qualificati.

Preparazione asfalto per vialetto

L’asfalto può essere gettato su qualsiasi superficie solida, come calcestruzzo o ghiaia. Non bisogna mai gettarlo sulla terra nuda o sulla massicciata, che non formano una superficie piana e di lunga durata.

Se necessario, si può creare una base più stabile spargendo una miscela di ghiaia e sabbia spessa 58 cm sul terreno, o su una massicciata compatta. Nel caso di un vecchio sentiero o vialetto, cospargere l’interno di buchi o crepe con un’emulsione di bitume (vernice di catrame) e aspettare almeno 20 minuti prima di riempirli di ghiaino. Per un buon drenaggio, realizzare il vialetto in pendenza.I bordi di un sentiero in asfalto spesso si sgretolano, per cui vanno rinforzati con bordi di calcestruzzo, mattoni o travi di legno trattate con creosoto.

Applicazione Asfalto

Applicare uno strato di emulsione di bitume per indurire la superficie. Agitare l’emulsione, versarla e spargerla con una spazzola rigida (dopo l’uso la spazzola va lavata in acqua calda e saponata).

Quando l’emulsione assume un colore nero, versare il ghiaino, e con un rastrello stendere una superficie piana, spessa circa 2 cm.

Far solidificare la superficie comprimendola con la parte posteriore del rastrello per rimuovere le sacche d’aria più grosse, poi passare diverse volte un pesante rullo da giardino. Riempire tutte le depressioni ancora visibili e ripassarvi il rullo.Mattoni e pietre da selciato

I colori gradevoli dei mattoni e delle piastrelle di terracotta, li rendono perfetti per realizzare sentieri all’interno del giardino. Poiché i singoli elementi sono piccoli, è piuttosto facile adattarsi ai cambiamenti di livello, e persino far curvare un sentiero. In più, si possono ottenere effetti decorativi originali combinando i diversi schemi di pavimentazione.

 

Calcestruzzo

Il calcestruzzo è un materiale resistente e pratico, adatto soprattutto per rivestire vialetti e sentieri piuttosto ampi. Il suo aspetto può essere reso maggiormente decorativo conferendo alla superficie una certa scabrosità. Il calcestruzzo può anche essere colorato usando speciali tinte addizionate alla miscela di partenza.

Queste però vanno usate con attenzione, ricordando che il colore si altera leggermente una volta che il calcestruzzo si asciuga. Conviene fare una prova su una piccola superficie campione, osservando e giudicando l’effetto della tinta solo dopo che si sia completamente asciugata.

Si può interrompere la monotonia di un ampio sentiero in calcestruzzo inserendovi file di mattoni o grandi assi di legno, che diverranno parte del disegno di rifinitura. In questo modo si potrà anche evitare di lasciare giunti di dilatazione durante la costruzione.

Preparazione della base

Preparare una fondazione adatta, e costruire una cassaforma per trattenere il calcestruzzo in posizione. Usare assi di legno spesse 2,5 cm e profonde almeno quanto lo strato di calcestruzzo. Usare picchetti 5 x 5 cm per fissare la cassaforma, a 1 m di distanza. Le assi possono essere unite fissando con i chiodi un blocchetto di legno sul lato esterno.

Giunti di dilatazione

Il calcestruzzo è soggetto a rompersi e a formare crepe se durante la posa non vengono lasciati spazi per la sua dilatazione.

Dividere l’area in settori non più lunghi di 4 m, usando listelli di legno come divisioni temporanee. Se si usa il calcestruzzo già pronto, impiegare strisce di cartone di fibra compressa per definire i giunti, e lasciarle in posizione fino a che non sia stato gettato il calcestruzzo.

Gettata del calcestruzzo

Preparare il calcestruzzo e versarlo nella cassaforma. Se si miscelano piccole dosi alla volta, riempire i “comparti” in modo alternato, rimuovendo gli elementi divisori solo dopo che il calcestruzzo si sia consolidato.

Usare un’asse di legno per compattare la superficie del calcestruzzo, ma se il vialetto è piuttosto ampio, si potrà lavorare meglio con una tavola per compressione e un aiutante.

Per ottenere una rifinitura liscia, utilizzare un frattazzo di legno, o meglio un frattazzo d’acciaio, che renda la superficie ancora più liscia.

Lastre di pavimentazione in calcestruzzo

Le lastre di pavimentazione sono disponibili in un’ampia varietà di colori, forme e rifiniture. Esse sono più facili da posare rispetto al calcestruzzo, ma diventa più difficile creare dei tratti curvilinei. Le lastre si possono abbinare a molti altri materiali, per esempio i ciottoli, da disporre lungo i bordi, o piccole strisce di ghiaia, da collocare tra le lastre. In questo modo si possono realizzare sentieri curvilinei senza l’inconveniente di avere troppi giunti irregolari.

 

Sentieri erbosi

I sentieri erbosi servono a collegare aree a prato oppure percorsi tra le aiuole. Dovrebbero essere larghi e resistenti. Le zolle per la realizzazione di un sentiero erboso vanno sistemate come per un prato.

 

Ghiaia

La ghiaia è facile da stendere, non presenta inconvenienti per la realizzazione di curve e non è costosa. Ci sono però alcuni svantaggi: a meno che non sia ben compattata e contenuta da bordure fisse, la ghiaia sciolta può coprire le superfici di giunzione e può risultare scomoda e rumorosa.Costruire una base solida che possa contenere circa 10 cm di massicciata compatta, 5 cm di una miscela di sabbia e ghiaia grossolana, e 2,5 cm di ghiaia.

Per una rifinitura elegante, scegliere ghiaia a grani regolari.In un ambiente formale si possono usare elementi in calcestruzzo come bordatura, altrimenti possono essere più adeguati delimitazioni e confini in mattoni o legno trattato. Se si usa il legno, inchiodarlo a picchetti distanziati di circa 1 m. Applicare la ghiaia in strati successivi, lavorandola con un rastrello e un rullo per produrre una leggera inclinazione per il drenaggio. Per aiutare la compattazione, versare ogni tanto un po’ d’acqua.

 

Sentieri di confine

Esistono delimitazioni in plastica che riescono a contenere un sentiero senza essere visibili. Si possono utilizzare anche assi di legno trattato, fissate con picchetti di legno, oppure grosse tavole, ma solo per il periodo dei lavori, per poi rimuoverle e riempire gli spazi di calcestruzzo. Per creare un bordo di mattoni, posarli sulla linea di confine o a un angolo di 45° rispetto a essa, fissandoli con un po’ di malta.

 

Costruzione del vialetto

Delimitare con picchetti e lacci i limiti previsti per il sentiero, verificando in quali punti bisogna tagliare i mattoni e le pietre da selciato per creare una netta curvatura. Se il sentiero dovrà sostenere carichi pesanti, preparare una fondazione di calcestruzzo. Per un sentiero sottoposto a carichi più leggeri, può bastare un sottofondo di 8 cm di massicciata solida, livellata con aggregato composto.

Prima di effettuare le gettate ricordarsi di posizionare del tubo corrugato e predisporre i punti luce per l’illuminazione del vialetto.

Posizionare un bordo adatto lungo un lato del sentiero, poi stendere il sentiero stesso procedendo per settori di circa 1 m di lato. Le pietre da selciato dovrebbero essere posate su uno strato di 5 cm di sabbia asciutta , mentre per i mattoni servirà uno strato di calce di 2,5 cm. Fissare i mattoni o le pietre comprimendole e controllando che siano in piano con un riga e una livella.

Posizionare il bordo sull’altro lato del sentiero per completare il settore, e ripetere la procedura fino a che non sia stato costruito tutto il sentiero.Per la rifinitura, nel caso di pietre da selciato spazzolare sabbia asciutta nei giunti; se invece si utilizzano mattoni, riempire i giunti con una miscela di malta asciutta, senza creare vuoti d’aria. Se necessario, compattare la malta con un bastoncino di legno leggermente più sottile dei giunti. Infine, inumidire la malta e pulire i mattoni.

 

Realizzazione di tratti curvi

Per realizzare curve dolci, delimitare la sagoma che si vuole creare e fissare i picchetti nel terreno con un martello a poca distanza l’uno dall’altro. Immergere in acqua le liste di legno tenero per renderle più flessibili, poi piegarle e inchiodarle ai picchetti. Le curve più strette possono essere costruite praticando una serie di tagli parziali con una sega nella parte interna della curva. I tagli dovrebbero arrivare a circa metà dello spessore del listello per incrementarne la flessibilità; in alternativa, impiegare strati di cartone di fibra compressa sottile, facili da curvare e da plasmare.

 

Gradini per Vialetti

Per calcolare il numero di gradini necessari, dividere il valore dell’intero dislivello per l’altezza dell’alzata di un singolo gradino. Adattare l’altezza dei gradini alle caratteristiche della pendenza. Segnare la posizione delle alzate con picchetti di legno e poi scavare formando una serie di scalini di terra. Costruire un piede d’appoggio in cemento per l’alzata iniziale e aspettare che solidifichi. Costruire quindi l’alzata usando mattoni o blocchi posati in malta per murature.

 

Illuminazione Vialetti

Esistono diverse soluzioni per l’illuminazione di vialetti. Si posso usare faretti incassati o meno oppure dei lampioncini da giardino sempre come segnapasso per creare percorsi di luce. In ogni caso ti consigliamo di usare Luci LED per Illuminazione giardino anche lungo il vialetto.

Sconsigliamo i faretti incassati perchè creano inquinamento luminoso e consigliamo lampade da giardino di design che abbiano orientamento della luce verso il basso, per illuminare il vialetto dove si cammina.